Planimetria Catastale

La Planimetria Catastale è un documento rilasciato dalla Agenzia delle Entrate, ex Agenzia del Territorio, che consente di verificare la mappa in scala di uno specifico fabbricato

NOTE

Per ottenere la Planimetria Catastale sono necessari gli identificativi precisi che possono essere rintracciati sulla visura catastale, in particolar modo si fa riferimento al foglio, alla particella, all’eventuale subalterno e al comune in cui l’immobile è situato.

Presso l’agenzia del territorio è possibile ritirare la planimetria aventi diritti reali su esso, in caso di un mandatario è necessaria una delega da parte del proprietario, altrimenti il Catasto non rilascerà tale documento.

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

La planimetria catastale permette di avere la piantina del proprio immobile. A differenza del progetto eseguito dai professionisti del settori, la planimetria catastale riporta le informazioni fondamentali relative alla disposizione degli ambienti (interni, esterni, delle pertinenze, degli accessori diretti e indiretti, eventuali giardini, corti, sia esclusive che condominiali) e alle pareti. Sono anche indicati gli infissi (porte e finestre), i balconi e le terrazze, i porticati, e ogni altro elemento che abbia rilevanza ai fini catastali. Ogni vano riporta anche l’altezza media e la destinazione d’uso, a secondo della categoria catastale a cui appartiene si potranno avere ad esempio la camera, cucina, bagno, ecc per le i fabbricati residenziali, mentre ufficio, negozio, magazzino, ecc per i fabbricati commerciali. Le planimetrie sono disponibili in scala 1:200, o in scale maggiori in caso di fabbricati di grandi dimensioni. In quest’ultimo caso sarà probabile che il disegno venga fornito su un foglio A3 (le cui dimensioni sono il doppio rispetto al classico A4, usato invece per appartamenti di dimensioni più ridotte). La planimetria viene aggiornata da un tecnico o un professionista a seguito di un intervento o un rilevamento. Inoltre sono riportati i confini, la data di realizzazione e il nome del tecnico abilitato che ha presentato la pratica. La superficie indicata sulla visura catastale viene calcolata dalla planimetria catastale, che tramite un software denominato DOCFA, il tecnico incaricato dal proprietario, individua le aree con dei poligoni, la cui somma indica la superficie catastale.

La Planimetria Catastale, depositata presso l’archivio del Catasto, riporta la divisione interna dei diversi locali di un fabbricato (appartamento, ufficio, negozio, box). Con la Planimetria Catastale è anche possibile rilevare le eventuali pertinenze* del fabbricato, come ad esempio il giardino, la corte o il posto auto.

Call Me